Colors Template Settings
Select color sample for all params
browncyangray-darkgreenpurpleredyellow
Select Layout
 
Il tuo carrello è vuoto!
Graphofeel Edizioni No Reflex Il volume vuole indagare l’impatto del digitale sui processi di produzione e fruizione delle immagin.. Product #: FOR005 Regular price: $14.00 $14.00 Disponibile
Editore: Graphofeel Edizioni
Codice del prodotto: FOR005
Disponibilità: Disponibile
Autore: Riccardo Finocchi, Antonio Perri
ISBN: 978-88-97381-11-2

14,00€

Sinossi

Cosa pensa un bambino quando vede l’immagine nitida di un cane che vola attaccato a palloncini colorati? E un adulto? Che cosa è vero e cosa è falso nelle immagini che vediamo ogni giorno rilanciate sui media digitali? Cosa è cambiato nel nostro rapporto con le immagini fotografiche dal momento in cui è divenuto possibile effettuare un morphing? Verità e illusione; falsificazione e manipolazione; documenti e testimoni: il volume vuole indagare l’impatto del digitale sui processi di produzione e fruizione delle immagini, mettendo in luce la profonda trasformazione del ruolo e del valore che queste assumono nella vita quotidiana. È una trasformazione che investe tanto la fotografia come testo quanto il nostro modo di sentire il suo rapporto con il reale, ovvero richiede di essere studiata adottando un approccio semiotico ed estetico. Un’indagine sul nostro futuro, a partire da ciò che ha già iniziato ad essere.

Autore

riccardo finocchiRiccardo Finocchi insegna Comunicazione multimediale e Linguistica generale presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Teoria e tecnica del linguaggio audiovisivo e Semiotica e tipologia dei testi presso l’Università LUMSA di Roma. Si occupa di semiotica, teorie dei linguaggi ed estetica, e in particolare dei rapporti che intercorrono tra queste discipline. È autore e curatore di diversi saggi e volumi, tra cui Lo schermo dellapparire. Tecnologie, immaginazione e forme di vita tra semiotica ed estetica, con I. Pezzini (Versus, 2017); Ipermedia e Locative media (Edizioni Nuova cultura, 2016); Strategie dell’ironia nel web (Carte semiotiche, 2016); Melting spot. Linguaggi e forme dell’audiovisivo pubblicitario (Meltemi, 2009) e Parole chiave della nuova estetica, con D. Guastini (Carocci, 2011). Con Graphofeel ha pubblicato, assieme ad Antonio Perri, No reflex. Semiotica ed estetica della fotografìa digitale (2012).

 

antonio perriAntonio Perri insegna Linguistica generale e Sociolinguistica presso l'Università di Napoli Suor Orsola Benincasa. I suoi interessi di ricerca vertono sugli aspetti antropologici e linguistici dei sistemi di scrittura e delle notazioni grafiche (soprattutto la pittografia azteca, a cui ha dedicato molti articoli e due monografie). Si è a lungo occupato di teoria della traduzione e, più in particolare, della traduzione intersemiotica. Fra le pubblicazioni più recenti Repertori grafici e scrittori, in M. Mancini, B. Turchetta (a cura) e Etnografia della scrittura (Carocci 2014). È curatore per Graphofeel della collana Formniveau.

Carrello

Il tuo carrello è vuoto!